testata ADUC
Risparmio: fai da te, assistito o delegante?
Scarica e stampa il PDF
Il post di Giorgio Canella
15 novembre 2016 14:15
 
Ieri sera sono venuti a cena  a casa mia alcuni amici, abbiamo parlato di tante cose ma poi, come spesso accade, uno di loro (e gli altri di seguito) ha incominciato a fare domande e chiedere consigli sugli investimenti: molti anni fa ho deciso che non voglio lavorare con parenti e amici perché la mia attività, come l’ho impostata, necessita di avere informazioni molto profonde e personali che, talvolta, possono mettere in imbarazzo le persone... quindi, di fronte alle domande dei miei amici io cerco sempre di dare risposte generiche e così ho fatto anche ieri sera.
In particolare, quando mi è stato chiesto come si deve comportare un risparmiatore, se vuole evitare qualche “trappola”, ho suggerito di fare come segue :
  • Se sei un Risparmiatore “fai da Te”, scegli sempre e solo gli strumenti che conosci, anche quando questa scelta dovesse avere come conseguenza il fatto che non ottieni nessun rendimento.
  • Se sei un Risparmiatore “assistito”, cioè se, per le tue scelte, ti confronti con qualcuno, fai molta attenzione al soggetto al quale ti rivolgi: la competenza  è importante (quindi magari evita di confrontarti con qualcuno che non abbia un minimo esperienza nel settore) ma non è sufficiente, dovresti cercare di verificare se quel soggetto è in grado e ha voglia di verificare quali sono le tue necessità prima di darti un “consiglio”
  • Se sei un Risparmiatore “delegante”,  cioè se preferisci che siano altri a scegliere al posto tuo, dovresti  stare ancora più attento: sarebbe prudente che tu verificassi la competenza, l’interesse a verificare preventivamente le tue necessità e la tua indole, ma sarebbe anche opportuno che tu controllassi che quel soggetto non abbia degli interessi personali a consigliarti una cosa piuttosto che un'altra. Comunque, se vuoi, delega tutto ma NON  il controllo.
I miei amici mi hanno chiesto: ma se io volessi scartare l’opzione “fai da Te” e orientarmi verso una delle altre due opzioni come potrei muovermi per fare le verifiche suggerite? Io ho risposto: dovresti fare tante domande, non stancarti di fare domande e vedere se il soggetto al quale ti stai rivolgendo ti ascolta, se ti risponde in modo esaustivo e pertinente, se a sua volta ti fa domande pertinenti o se, invece, ha smania di parlarti del “suo prodotto/sua soluzione ” ancor prima di sapere cosa ti serve. Poi serve anche un po’ di fortuna perché il “Professionista giusto” non è sempre lì ad un passo da Te.
Buona fortuna  ma, soprattutto, buone domande.
IL POST IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori