testata ADUC
Tessline. Viviamo nel baratro dell’incapacità culturale o di vittime drogate di informazione?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Vincenzo Donvito
21 giugno 2019 15:17
 
  Tessline. In questi giorni non se ne può più al servizio di consulenza di Aduc nel rispondere ai tanti che ci chiedono come recuperare i soldi che questi farabutti hanno loro estorto promettendo Luna, Marte, Giove e tutto ciò che c’è dietro il Buco nero dietro l’angolo. Stiamo parlando dei soliti delinquenti che, giocando sul fatto che in tanti elogiano i lauti guadagni che si fanno grazie al trading online, giocando tra l’altro in modo “raffinato” perché hanno raccolto fiducia da ogni sorta di piccolo e di micro risparmiatore illuso, hanno fatto bottino e poi sono spariti. La Consob è arrivata col suo solito ritardo (“prevenire è meglio che vietare” è un binomio ignoto all’Autorità diretta dall’ex-ministro Paolo Savona) ed ha, per l’appunto, vietato l’offerta (1), ma la vicenda aveva già sparso varie vittime.
Vittime? Questa è la domanda importante da porsi a questo punto dando per scontato che null’altro è possibile fare. A chi ci scrive precisiamo che la situazione è quasi impossibile che abbia una soluzione a loro favorevole ma, anche per sentirsi un po’ a posto con la (in)coscienza che li ha portati a dare questa fiducia, li invitiamo ad inviare una diffida tramite raccomandata A/R ad un indirizzo che abbiamo reperito, dopo un po’ di ricerche, sul quotidiano The Irish Time, visto che sia Consob che Banca d’Irlanda quando trattano di Tessline si riferiscono solo ad un sito web che non esiste più: Tessline Ltd, with an address at Crescent Building Northwood Crescent, Northwood, Santry, Dublin 9.

E la domanda che ci poniamo è: Viviamo nel baratro dell’incapacità culturale o delle vittime drogate di informazione?

Incapacità culturale. E’ quella che sarebbe stata dimostrata da chi, grazie ad una telefonata o una notiziola in web ha affidato i propri risparmi al primo che gli prometteva guadagni che, solo a sentirseli sciorinati, farebbero ridere anche un ragazzo alle prime armi coi risparmi e la loro gestione da parte di istituti di credito. Non discerniamo su questi livelli medi di questa fascia di risparmiatori. Primo per non infierire su chi è stato vittima… e le vittime sono uguali qualunque sia stato il motivo per cui sono diventate tali (come il medico che cura i malati indipendentemente dal motivo per cui si sono ammalati – giuramento di Ippocrate). Ma prendiamo atto che nel Paese dove chi ci governa propone i minibot come primo passo per sostituire la valuta euro tacendo sul fatto che è un metodo lampante per l’aumento del debito pubblico e farsi belli verso il popolo vociante e insoddisfatto (2), non ci si stupisce più di tanto se c’é qualcuno che alla telefonata del signor John Rossinov (3) che con accento fortissimo di qualche Paese dell’Europa dell’est, dicendo di chiamare da Milano o da Dublino o da Londra, proponendo interessi e guadagni che non farebbero parte neanche di un qualche film di satira sugli investimenti di un delinquente a Wall Strett, … non ci si stupisce più di tanto che questo risparmiatore affidi al signor Rossinov i propri risparmi. Spesso i capitani sono uguali ai passeggeri.

Vittime drogate di informazione. Sono quelli che hanno lo smartphone sempre accesso, e qualunque e ovunque sentano il trillino dell’avviso di arrivo di un messaggio, interrompono ciò che stanno facendo perché – altrimenti – potrebbero perdersi qualcosa di importante. Generalmente fedeli di Facebook, etc etc, partecipano anche ai gruppi di discussione di persone come loro che, senza rendersi conto di essere influenzati da promotori di aziende come Tessline, valutano come oro colato tutto ciò che leggono sul loro social. E se qualcuno chiede loro come mai hanno fatto questa scelta: “l’ho letto sul social, su Facebook” è la risposta disarmante (una volta si diceva: “l’ha detto la televisione”...). E sono gli stessi, insieme ad un altro paio di miliardi di persone, a cui Mark Zuckerberg si appresta a “mettere a disposizione” la sua cryptovaluta “libra” (4).

Noi che leggiamo gli avvenimenti in questo modo, ci auguriamo che le nostre istituzioni, nazionali e comunitarie, agiscano sempre prima che dopo a “mettere delle pezze con colla di acqua e farina”. Tessline oggi, Avanti il prossimo.

NOTE
1 - http://www.consob.it/web/area-pubblica/avvisi-ai-risparmiatori?viewId=ultime_com_tutela
2 - https://www.aduc.it/articolo/minibot+miniassegni+po+memoria+forse+fa+bene+capire_29658.php
3 – non ce ne vogliano i russi e i cultori della lingua di Tolstoj, ma purtroppo presunti cognomi storpiati in russo sono all’ordine del giorno per queste truffe
4 - https://investire.aduc.it/articolo/facebook+libra+smantellare+regolamentare_29690.php
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori