testata ADUC
Anticipo fondo pensione per allargamento e ristrutturazione
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
13 settembre 2018 0:00
 
L'anno scorso ho allargato la mia abitazione troppo piccola e ho aggiunto una stanza e un garage utilizzando il piano casa. Essendo una spesa utilizzata per la mia prima casa ho chiesto al fondo pensione "concreto" se potevo far richiesta dell'anticipo del mio TFR. Ho presentato tutte le carte che mi richiedevano compreso progetto delle stanze nuove, planimetria e concessione edilizia. Il tutto e' andato a buon fine e mi hanno erogato a novembre 2017 la cifra richiesta che io ho utilizzato per pagare parte dei lavori del muratore. Ieri mi hanno telefonato dicendomi che mancavano le fatture e i bonifici che provavano l'effettivo pagamento dei lavori e ora mi avvisano che il contributo non mi spettava perche' l'impresario nella fattura ha messo la dicitura "lavori per realizzazione di autorimessa pertinenziale all'abitazione (prima casa). Secondo loro non rientra nella legge europea che permette l'erogazione anticipazione dei fondi pensione. Io ora mi chiedo, ma ho presentato la documentazione richiesta, mi danno i soldi, li spendo, ma la responsabilità di chi e'?
Enrica, dalla provincia di TV

Risposta:
Reputiamo che il problema, per il fondo pensione, stia nel fatto che la fattura riporti lavori nella sola pertinenza. Sotto questo aspetto possono anche avere ragione, ma nel complesso i fatti appaiono chiari.
Può presentare reclamo e poi, in caso di risposta negativa o assente dopo 45 giorni, presentare reclamo alla Covip www.covip.it
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori