testata ADUC
Cannabis legale. Il Canada è una buona opportunità per le aziende Usa
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
25 luglio 2018 11:41
 
 Green Thumb Industries aveva un piano aziendale, esperienza e tanta ambizione per far crescere la sua attività sulla marijuana. Ciò che la società con sede a Chicago non aveva, era l'accesso a un capitale sufficiente per far sì che tutto accadesse. Così il mese scorso, la compagnia con 20 milioni di dollari di ricavi dai negozi di cannabis in sette Stati ha rivolto lo sguardo verso nord ed è diventata pubblica in Canada, dove presto la marijuana sarà ampiamente legalizzata a livello nazionale. Il Canadian Securities Exchange sta rapidamente diventando il luogo di riferimento per le società di cannabis statunitensi orfane delle proprie borse, perché il governo degli Stati Uniti considera ancora la marijuana una droga illegale. Green Thumb ha rilevato una società canadese quotata in borsa, ha aggiunto una "Inc." al suo nome ed è diventata pubblica. La società ha raccolto 67 milioni di dollari USA, denaro che permetterà a Green Thumb di ottenere licenze in nuovi Stati e aprire più negozi al dettaglio in tutta l'America. "Il telefono suona di più, stiamo parlando con più persone e gli affari si sono espansi", ha detto il fondatore dell'azienda, Ben Kovler. "Siamo semplicemente emozionati per quello che sta succedendo."
Negli ultimi mesi, importanti aziende statunitensi di cannabis, tra cui MedMen, Liberty Health Care e Chalice Farms, hanno quotato nella borsa canadese Securities Exchange, raccogliendo capitali e attirando l'attenzione di investitori facoltosi in Asia, Europa e Australia che vogliono fare business nell'industria della cannabis ma sono spaventati dal divieto federale degli Stati Uniti. Molte altre compagnie di marijuana statunitensi stanno facendo altrettanto mentre l'industria degli Stati Uniti si espande rapidamente. Acreage Holdings, una delle più grandi compagnie di cannabis integrate verticalmente negli Stati Uniti, ha annunciato che verrà quotata alla Canadian Securities Exchange questo autunno perché è diventata lo "scambio per eccellenza per le società statunitensi come la nostra".
Due terzi degli Stati Usa consentono la marijuana medica, e nove di loro e Washington, D.C., hanno legalizzato l'uso ricreativo. Il mese scorso, gli elettori dell'Oklahoma hanno approvato la marijuana medica, ulteriore prova dei successi anche negli Stati conservatori.
Le aziende statunitensi hanno bisogno di un rapido accesso al denaro per ottenere licenze di produzione e vendita al dettaglio, in modo che possano rapidamente stabilirsi in nuovi mercati. "Se non entri e sali, sei fuori", ha detto William Simpson, fondatore di Chalice Farms, una società dell'Oregon che è stata acquisita l'anno scorso da una società canadese quotata in borsa, la Golden Leaf Holdings. "Il tempo è essenziale, hai bisogno di soldi ora e sempre". La settimana scorsa è stata dimosrrazione della volontà degli investitori americani di entrare nel mercato della marijuana squando ciò è possibile. Le borse statunitensi non elencano le società che svolgono attività commerciali in cui la marijuana è illegale, ma diverse società canadesi commerciano negli Stati Uniti perché la loro attività è legale nel Paese in cui sono basate. Tilray Inc., una compagnia di marijuana medica con base nella British Columbia, è diventata la prima azienda di cannabis a completare un'offerta pubblica iniziale su una delle principali borse statunitensi quando ha iniziato a negoziare sul Nasdaq. Ha raccolto $ 153 milioni e il titolo è balzato quasi del 33% nel suo primo giorno di negoziazione. Chris Barry, socio dello studio legale Dorsey and Whitney di Seattle, gestisce accordi di investimenti in marijuana e fusioni negli Stati Uniti e in Canada. Ha osservato che i principali investitori istituzionali, inclusa la nota banca d'investimenti di New York Cowen, sono stati coinvolti nell'IPO di Tilray. "La lezione è che le istituzioni saranno presenti se hai un buon piano aziendale e la tua attività è legale al 100% nella giurisdizione in cui ti trovi", ha detto.
Questo è il problema negli Stati Uniti. Mentre più Stati approvano la marijuana legale, il governo federale - e in particolare il procuratore generale degli Stati Uniti Jeff Sessions - rimane contrariato, creando incertezza per banche e investitori. "C'è una domanda repressa in tutto il mondo, e dappertutto negli Stati Uniti, e tutto sta per essere forzato in Canada", ha detto Troy Dayton, amministratore delegato di The Arcview Group, una società di investimento e ricerca di mercato con sede a Oakland, in California. "Ogni grande investitore e ogni grande azienda sta aspirando a questo mercato, ma sono tutti trattenuti a causa dell'incertezza".
Nel frattempo, la spesa dei consumatori americani per la marijuana sta esplodendo. Era $ 8,5 miliardi nel 2017 - l'anno prima che la California diventasse il più grande mercato legale di marijuana del mondo - e si prevede che raggiungerà quasi $ 24 miliardi nei prossimi quattro anni, secondo Arcview.
Le società statunitensi che fanno business in Canada stanno registrando in crescita le loro valutazioni, perché gli investitori desiderosi di essere tali nel settore della cannabis, non hanno nessun altro posto dove andare, ha detto Dayton. Alcune di queste aziende imploderanno, ma quelle che sono ben posizionate saranno in grado di utilizzare il nuovo flusso di cassa per prepararsi a competere con i gruppi multinazionali di alcool e tabacco che si stanno posizionano in calo, ha detto.
"Guardi la California da sola, in Florida da sola, sono entrambi più grandi da soli rispetto all'intero mercato canadese della cannabis", ha detto Simpson, fondatore dell'Ocean's Chalice Farms. "È una grande opportunità." Chalice è stata acquisita lo scorso anno dalla società canadese Golden Leaf Holdings. Quasi tutti gli affari dell'azienda rimangono nell'Ovest americano, e stanno utilizzando i 19,5 milioni di dollari della sua quotazione pubblica per perseguire accordi su coltivazioni in Nevada e California. Simpson ha detto che è frustrante non poter diventare pubblico come una compagnia americana. "La gente si è espressa, abbiamo votato per questo", ha detto Simpson. "Bisogna permettere alle banche e agli investitori di prendere il carro."

(articolo di Gene Johnson, corrispondente da Seattle dell’agenzia AP-Associated Press del 25/07/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori