testata ADUC
Euro, 20 anni. La lezione vista oltre Manica dai 'remain'
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
2 gennaio 2019 0:28
 
 Premessa redazionale. In occasione del ventennale della creazione/immissione dell'euro sui mercati, riportiamo l'opinione di un autorevole quotidiano britannico, schierato su posizioni politiche filo Unione Europea (quindi anti Brexit), ma che mai ha fatto sua l'idea di una abolizione della lira sterlina a vantaggio dell'euro.

Venti anni fa è nata una "valuta contabile". La moneta unica di quella che è poi diventata nota come la "zona euro": l'euro.
All’epoca non c’erano le banconote e le monete che la maggior parte di noi associa all'euro. Queste sono state introdotte solo tre anni dopo, nel gennaio 2002.
Quello fu il momento in cui la moneta unica divenne tangibile nella vita di centinaia di milioni di persone in tutta Europa, e i vecchi marchi tedeschi, i fiorini, i franchi, le lire, le pesete e tutti gli antichi componenti del mosaico monetario europeo furono consegnati alla storia.
Quello che accadde il 1 gennaio 1999 fu la creazione di un regime di cambio rigidamente fissato e di un regime di tassi di interesse per tutte quelle valute nazionali, in modo che tutti potessero essere valutati allo stesso modo. L'euro non era ancora tangibile, ma esisteva nell'etere e nei mercati dei cambi.
Da quel lancio sono passati due decenni turbolenti per la moneta unica.
Non ha avuto un inizio di buon auspicio. Avendo fluttuato a un tasso di cambio rispetto al dollaro di $ 1,16, la valuta unica è stata contrassegnata sulle borse estere dai commercianti e dagli investitori. Nel 2001 è scivolata fino a un minimo di soli 0,853 $ per euro, mentre la bolla delle dotcom stava scoppiando.
Ma poi, dal 2002, è arrivata una lunga ascesa, raggiungendo un picco nel 2008 a $ 1,58, poco prima della crisi finanziaria globale.
Questa era un'epoca in cui rapper come Jay-Z e supermodelle tra cui Gisele Bundchen chiedevano di essere pagati in euro, piuttosto che in dollari.

La turbolenza di due decenni

Il valore dell'euro nei confronti del biglietto verde è cresciuto durante la crisi finanziaria, ma nel 2014 c’è stata una lunga serie di sbandamenti. In una certa misura, i timori di una rottura dell'area della moneta unica stavano venendo all’incasso. Ma fattore determinante è stato che la Banca Centrale Europea (BCE) ha adottato un ruolo più tradizionalmente attivo in quel periodo per sostenere l'attività economica nella zona colpita dalla recessione - qualcosa che normalmente sopprimerebbe il valore relativo di una valuta.
Oggi l'euro si scambia a $ 1,14, approssimativamente lo stesso valore di quando è iniziata la sua vita due decenni fa.
Quindi, quanto successo ha avuto la moneta unica?
Se si considerano i sondaggi annuali pan-europei di Eurobarometro, la risposta sarebbe sorprendentemente positiva date le turbolenze degli ultimi anni. Alla domanda se l'euro sia stato una buona o una cattiva cosa per il tuo Paese, il 64 percento dei cittadini degli Stati membri ora sostiene che è stata positiva, rispetto al 51 percento del 2002.

Sorprendentemente popolare

Altri parametri dipingono un quadro positivo. La moneta unica è oggi utilizzata da circa 340 milioni di persone in 19 Paesi. Ora è una valuta di riserva globale stabile, accumulata dalle banche centrali e dalle istituzioni multilaterali come il Fondo Monetario Internazionale.
L'inflazione nell'Eurozona è sotto controllo, con una media dell'1,7 per cento negli ultimi due decenni, appena al di sotto del 2% del mandato della BCE.
Eppure molti economisti sbuffavano all'idea che l'euro fosse un successo.
Dal 2000 la crescita del PIL pro capite dell'eurozona (a parità di potere d'acquisto) ha avuto delle performance al di sotto di quelle di Stati Uniti e Regno Unito, con un aumento del 15% rispetto al 19% e al 20% rispettivamente.

Performance relativamente al di sotto

Performance comunque meno importanti del fatto che la moneta unica fosse in crisi tra il 2010 e il 2015, quando sembrava che l'eurozona stesse per disintegrarsi mentre nazioni come la Grecia, l'Italia, l'Irlanda e il Portogallo si trovavano sotto una pressione insopportabile dei mercati obbligazionari.
Il disastro è stato solo evitato da una vaga promessa del capo della BCE, Mario Draghi, di fare "tutto il necessario" per mantenere insieme la moneta unica nel luglio 2012.
Molti politici e opinion-maker in Germania hanno combattuto ogni misura di stabilizzazione della BCE come un segno che stesse svilendo la valuta e derubando i risparmiatori tedeschi. Quelle dispute di principio sulle responsabilità di una banca centrale rimangono irrisolte.
Molti vedono questa storia recente come prova incontrovertibile che la creazione della moneta unica sia stata un errore colossale; che incatenare insieme economie diverse, con livelli di produttività e istituzioni locali estremamente diverse, in una moneta comune, con un tasso di interesse unico, sarebbe sempre stata destinata a creare disastrose tensioni finanziarie, economiche e sociali.
Ashoka Mody, ex economista del Fondo Monetario Internazionale, definisce questo passo come cruciale nella creazione di una moneta unica, la "tragedia" dell'Europa.
Gli ottimisti dicono che l'esperienza di “quasi-morte” della moneta unica negli ultimi anni stimolerà alcuni tipi di integrazione - come sostanziali trasferimenti fiscali nella pan-eurozona, un'unione bancaria e garanzie reciproche del debito degli Stati membri - che sono necessari per stabilizzare la valuta in zona per il lungo termine; e che l'Europa "cadrà" dalla crisi all'unità, come è avvenuto in passato.
Altri sostengono che la moneta unica è stata ingiustamente un capro espiatorio per i fallimenti dei governi nazionali, in particolare l'Italia, per riformare i loro mercati del lavoro e le più ampie economie nazionali.
Questo, sostengono, è il motivo (non l'euro) per cui un simile divario si è aperto tra le prestazioni economiche delle economie forti come Germania e Olanda e quelle come Grecia e Italia.
I tassi di disoccupazione nei Paesi sono ai minimi storici, mentre in quest'ultimo gruppo non hanno ancora recuperato i loro tassi di pre-recessione.

Racconto di due eurozone

Ma i pessimisti sostengono che questo ignori fino a che punto la struttura della moneta unica abbia facilitato i boom di investimenti destabilizzanti negli Stati periferici prima della crisi finanziaria del 2008, e quindi prevenuto un adeguato aggiustamento monetario sulla sua scia.
La loro opinione è che tali sono le contraddizioni strutturali all'interno della moneta unica che la crisi è destinata a riemergere ad un certo punto - e non ci vorranno 20 anni.

(articolo di Ben Chu, pubblicato sul quotidiano The Independent del 01/01/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori