testata ADUC
Oi Brasil – Portugal Telecom: le caratteristiche dei nuovi titoli assegnati
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Anna D'Antuono
26 giugno 2018 13:17
 
  La procedura di "Recuperação Judicial" del Gruppo Oi Brasil entra nella fase conclusiva, quella del concambio dei titoli posseduti nei nuovi strumenti emessi a seguito dell'omologazione del Concordato.

Iniziamo ad occuparci delle caratteristiche dei nuovi strumenti in base alle categorie di creditori. Pubblicheremo poi i dettagli dei concambi assieme alle istruzioni per completare finalmente l'iter iniziato a febbraio scorso. Tutti gli obbligazionisti che si sono individualizzati devono obbligatoriamente completare la procedura nei termini che indicheremo. In caso contrario, perderanno ogni diritto riservato a chi si è individualizzato e accederanno alla "Default recovery".

I creditori che hanno aderito alla "Qualified recovery", vale a dire gli obbligazionisti che hanno individualizzato il proprio credito per importi superiori a 750.000 Dollari USA, si vedranno assegnare:
- Certificati OI SA ADR (ISIN US6708515001) rappresentativi ciascuno di 5 azioni ordinarie OI SA. Saranno quotati sul NYSE negli Stati Uniti.
- Certificati OI SA ADW (ISIN non comunicato) rappresentativi ciascuno di 5 warrants, che daranno diritto a sottoscrivere un'azione OI SA per ogni warrant a un prezzo pari al controvalore, espresso in BRL, di USD 0,01. I certificati potranno essere esercitati in finestre temporali da stabilire e non saranno quotati su alcun mercato regolamentato.
- Obbligazioni OI SA 2025 USD NOTES (ISIN non comunicato) aventi nominale minimo pari a 1.000 USD e multipli, con godimento 05/02/2018 e scadenza 2025. E' prevista una cedola semestrale al tasso annuo del 10%. Per i primi quattro anni, la cedola potrà essere pari al tasso annuo dell'8% in contanti e al 4% in natura attraverso la variazione del valore nominale dei titoli o l'assegnazione di obbligazioni di nuova emissione. Da notare come si tratti di obbligazioni di tipologia PIK, che appunto versano i dividendi in nuove obbligazioni, e che in caso di default sono subordinate rispetto agli altri crediti da soddisfare. La piazza di negoziazione sarà il segmento ST del Singapore Exchange (SGX-ST), dove saranno negoziabili con tagli pari a 200.000 SGD (Dollari di Singapore).

I creditori che hanno aderito alla "Non Qualified recovery", ossia gli obbligazionisti che hanno individualizzato crediti per un valore nominale fino a 750.000 Dollari USA, e che costituiscono la quasi totalità degli individualizzati italiani, riceveranno invece:
- Linee di credito OI SA LOANS (ISIN non comunicato) che verranno sottoscritte al di fuori del circuito delle depositarie. Avranno data di godimento 05/02/2018 e scadenza 15/02/2030 .
Il tasso di interesse sarà del 6% annuo in conto capitale, quindi senza cedole, fino al 01/01/2024.
A partire dal 15/08/2024 è prevista una cedola semestrale pagata il 15/02 e il 15/08 di ogni anno.
Il rimborso avverrà in rate semestrali pari al 4% dell'importo iniziale a partire dal 15/08/2024 e fino al 15/02/2027, per poi passare al 12,66% dell'importo iniziale a partire dal 15/08/2027 e fino al 15/08/2029, mentre il restante 12,70% sarà pagato alla scadenza del 15/02/2030.
Le Linee di credito OI SA LOANS non saranno negoziate su alcun mercato. E' logico, ed auspicabile, che Oi si attivi per consentire e facilitare la negoziazione per gli interessati.

Gli obbligazionisti che non si sono individualizzati e gli obbligazionisti che si sono individualizzati ma che non completeranno la procedura rimarranno in possesso dei propri titoli nei termini previsti dalla "Default recovery". I loro titoli pertanto saranno trasformati in obbligazioni zero coupon, vale a dire senza cedola, con scadenza giugno 2042, e con rimborso in cinque rate annuali di pari importo, ossia il 20% del valore nominale iniziale, a partire dal giugno 2038. Non è detto che i titoli ora posseduti siano trasformati per un valore pari al loro valore nominale perché vi è un tetto di assegnazione pari a 70 miliardi di Real Brasiliani. Inoltre, OI SA potrà esercitare a sua discrezione e in qualsiasi momento l'opzione di rimborso anticipato al prezzo del 15% del valore nominale delle obbligazioni più gli interessi capitalizzati maturati sino alla data di esercizio dell'opzione.

Non c'è che dire, condizioni eque, nonché semplici e lineari per tutti gli interessati. Le banche risponderanno di tutto.
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori