testata ADUC
Atlanticlux High Solution: la solita vergogna
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
18 maggio 2013 0:00
 

Nel 2009 ho sottoscritto un piano di risparmio con questa compagnia del Lussemburgo. Mi era stato detto dal mio intermediario che dopo 3 anni potevo sospendere il pagamento in caso di impossibilità. Nel 2012 ho perso il lavoro e ho chiesto di poter sospendere il tutto visto che cmq erano già trascorsi i 3 anni. La risposta è stata, mi dispiace ma lei finora ha maturato solo 200,00 e non può fermare il versamento poichè la polizza prevede un valore minimo di 1.250 (preciso che finora ne ho versati 3.300). Ad oggi fortunatamente ho trovato un lavoro ma fatico seriamente a versare la quota annuale poichè vivo sola e con un mutuo in essere. C'è una soluzione per poter chiudere il contratto e riavere i miei soldi o sono vincolata fino a 30 anni?
Pamela, da Fossò (VE)

Risposta:
Le condizioni attuali della polizza (le sue potrebbero essere diverse, anche se pare siano rimaste immutate da allora) prevedono che sia possibile sospenderla (portarla in riduzione) se il valore della stessa è di almeno 1250 euro e si sono versate almeno due annualità. A titolo esemplificativo, si legge, vuol dire che se si sta versando il premio minimo annuo di 600 euro occorre averne versati almeno sei. Per verificare il valore comunicato, può chiedere alla compagnia di ricevere per iscritto il valore attuale della polizza. In pratica, per raggiungere 1250 euro di valore occorre averne versati 3600. La "leggera differenza" tra i 3.300 euro che ha fino ad ora versato ed i 200 euro di valore corrente è stata incamerata dall'assicurazione e soprattutto dalla rete di vendita.


Il riscatto totale è possibile dopo almeno due anni ma con penali. Dopo 42 mesi e fino al quinto anno la penale è del 50%. Dopo il quinto anno la penale si azzera. In ogni caso ci sono 40 euro di diritto fisso, ci mancherebbe non sfruttino anche il momento del riscatto per sottrarre danaro alla clientela.


Queste condizioni di polizza costituiscono una colossale vergogna contro cui ci battiamo da oramai un decennio proponendo ad esempio l'abolizione del pre-conto (meccanismo che consente di prelevare nei primissimi anni del contratto i caricamenti dell'intero piano di versamenti).


E' l'ennesima vittima delle polizze, insomma, e peggio ancora delle polizze vendute dalle reti di "network marketing o giù di lì" quali A1 Holding, nuovo nome della First.
La colpa principale è dello specifico venditore della sua polizza che le ha detto il falso, ci mancherebbe, ma l'aria che tira da quelle parti la può comprendere leggendo i vecchi articoli coi quali mettevamo per l'ennesima volta in guarda da questi vergognosi prodotti che ancora oggi qualcuno ha il coraggio di andare in giro a vendere affermando che è come vincere alla lotteria ogni dieci anni:
http://investire.aduc.it/lettera/polizze+a1+holding+si+vince+alla+lotteria+ogni_254581.php


A tal proposito, ci piacerebbe ricevere notizie da parte dei "manager" della rete i quali tanto ci criticavano e poi, guarda un po', sono spariti dalla circolazione:
http://investire.aduc.it/articolo/ci+scrive+rete+vendita+polizze+first_11546.php
http://investire.aduc.it/articolo/reti+multi+level+mail+esemplare+venditore_11948.php
Se anche si faranno vivi, però, di sicuro per loro la colpa sarà stata dell'isolato venditore e non dell'andazzo generale della rete che invece da tempo ben conosciamo.

 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori