testata ADUC
Errore operazione bancaria
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
25 novembre 2021 0:00
 
Sono titolare di un certo numero di azioni di una nota azienda europea. A cavallo del mese di settembre ed ottobre, tale società ha lanciato un aumento di capitale con rapporto di 1/1 tra azioni possedute in portafoglio e azioni di nuova emissione. Il prezzo di sottoscrizione, ovviamente, era molto vantaggioso, circa il 60% in meno rispetto al prezzo allora corrente di mercato. Tale operazione nel mio caso, avrebbe permesso di abbassare notevolmente il prezzo medio di carico complessivo delle mie azioni. A tal riguardo mi reco in filiale, nei giorni indicati per aderire all'iniziativa, e firmo tutta la documentazione richiesta di cui conservo copia. Circa tre giorni dopo tale circostanza, mi ritrovo sul conto l'accredito della vendita dei diritti. Mi reco in banca, ma non mi sanno dare alcuna risposta concreta se non ammettere che probabilmente c'era stato un errore centralizzato nell'esecuzione dell'ordine. Ad oggi non mi è pervenuta nessuna comunicazione ufficiale da parte della banca, nè tramite posta ordinaria, tanto meno via email. Ovviamente non avendo aderito a tale aumento di capitale, mi ritrovo in portafoglio, ancora le azioni originarie ad un prezzo di carico molto alto che non so quando mi permetterà di recuperare il capitale iniziale. Vorrei richiedere i danni alla banca per questa loro mancanza di professionalità e soprattutto per il silenzio che ne è seguito. Chiedo un Vostro parere sulla questione.
Michele, dalla provincia di FG

Risposta:
Sicuramente sì, occorre però approfondire la questione per comprendere se si tratta di lamentarsi dei doveri della banca quale depositaria oppure quale esecutrice delle disposizioni del cliente. Nel primo caso la competenza è dell'Abf, nel secondo è dell'Acf.
----------------
Ha risposto Anna D'Antuono: https://www.aduc.it/info/dantuono.php
 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS