testata ADUC
Sempre più difficile decidere cosa fare con i pochi o tanti risparmi che abbiamo
Scarica e stampa il PDF
Il post di Giorgio Canella
14 settembre 2016 15:58
 
 Decidere cosa fare con i pochi o tanti risparmi che abbiamo è sempre più difficile; e non è per mancanza di prodotti, anzi, oggi ce n'é anche troppi... ma, allora, è una questione di incompetenza? E' una questione di pigrizia? Da cosa dipende la nostra difficoltà di scegliere?
Quando andiamo al supermercato, se non lo facciamo una volta ogni due anni, di solito non riempiamo il carrello di cose inutili (magari dimenticando quelle che servono) ma prendiamo, più o meno, ciò che ci serve e, per farlo, ci aiutiamo con la lista della spesa… e la lista della spesa la compiliamo in base a ciò che vogliamo cucinare, al numero di persone che saranno ospiti da noi, al fatto che qualcuno abbia qualche preferenza o qualche patologia o a qualche “voglia” che vogliamo soddisfare... e facciamo tutto questo anche se non siamo cuochi professionisti... dunque, il primo passo che facciamo non è cercare i prodotti ma individuare le nostre necessità.

Quando si tratta di risparmio siamo invece meno preparati a muoverci in quel modo e, spesso, troviamo qualcuno che vuole venderci qualcosa senza nemmeno sapere se “ci serve”, se ci piace, se ne conosciamo il senso, se abbia qualche controindicazione... e se anche ci fa delle domande, frequentemente, non ci lascia il tempo per riflettere troppo a lungo (e il risparmio non è una caramella o una mela).

Dunque, se vogliamo faticare un po’ meno a scegliere cosa fare con i nostri risparmi ci dobbiamo sforzare un po’ di più di capire quali sono le nostre necessità, i nostri obiettivi, le nostre paure. Quanto pepe (rischio) vogliamo e possiamo permetterci di correre.. e così via. Certo, anche questo non è un compito facile perché dobbiamo fare i conti con le nostre contraddizioni... ma da un punto si deve pur partire e allora è più conveniente partire dall’inizio anziché dalla fine.
I prodotti dovrebbero essere solo una conseguenza, dovrebbero rappresentare solo l’ultima parte di un processo non l’inizio della ricerca. Solo dopo aver deciso cosa volete, cosa vi serve e cosa non volete, solo allora è il caso di investire tempo ed energie per cercare il prodotto.  Quantomeno, io la penso così! Voi?

IL POST IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori