testata ADUC
Banca Popolare di Bari: l'ultima assemblea inutile. Azioni a 5.00 euro. Si sono inventati il 'price discovery'
Scarica e stampa il PDF
Banche in crisi di Giuseppe D'Orta
30 aprile 2018 12:50
 
Si è tenuta ieri l'assemblea dei soci della Banca Popolare di Bari, l'ultima prima della trasformazione in Società per Azioni che avverrà entro settembre. Anche stavolta, gli amministratori hanno pubblicizzato il rilancio della banca -a loro dire in corso- e hanno addossato le colpe del tracollo del prezzo delle azioni all'incertezza degli ultimi due anni sulla trasformazione in S.p.A., fino al pronunciamento della Corte Costituzionale.

C'è da dire che la Corte Costituzionale si è espressa il 20 marzo, eppure nell'ultimo mese alle "aste toste" settimanali sul circuito Hi-Mtf non si è visto alcun compratore, e proprio in corrispondenza con l'assemblea il prezzo minimo possibile è passato da 5.70 a 5.40 euro.

Come al solito si è taciuto riguardo la reale situazione della banca e, soprattutto, delle azioni e dei bond subordinati. Ma è stata l'ultima volta. Nei prossimi mesi ci sarà la trasformazione in Società per Azioni e, soprattutto, proseguirà il tracollo del prezzo sul circuito Hi-Mtf.

C'è comunque una novità: una frase -volutamente- incomprensibile ai più che nasconde due messaggi importanti:
"In considerazione dell'imminente trasformazione in società per azioni, nonché tenendo conto che la funzione di "price discovery" rispetto alle azioni è svolta dal mercato Hi-Mtf, l'assemblea ha deliberato di non determinare il sovrapprezzo ai fini dell'ingresso di nuovi soci".

Il primo punto da notare è il "price discovery", ossia la "scoperta del prezzo".
Gli azionisti stanno a loro spese "scoprendo il prezzo" dei titoli posseduti, che infatti cala di bimestre in bimestre e non è ancora precipitato solo per via delle regole sull'Hi-Mtf, che è stato apposta scelto dagli amministratori della banca per guadagnare tempo prima del patatrac.
La definizione di "price discovery" sarebbe anche divertente, se non nascondesse la tragedia in atto.

La decisione di non determinare il sovrapprezzo ai fini dell'ingresso di nuovi soci, invece, deve essere spiegata: lo Statuto della Popolare di Bari prevede che, in occasione dell'approvazione del bilancio, l'assemblea decida sul prezzo delle azioni. Il prezzo è determinato fissando un sovrapprezzo al valore nominale delle azioni, valore che è pari a 5.00 euro.
Non determinando il sovrapprezzo, il prezzo di ingresso per eventuali nuovi soci è di 5.00 euro.
Prezzo fuori dal mondo a cui nessun investitore entrerebbe nel capitale della banca, ma che consente di poter dire che dal prezzo di 5.40 appena arrivato sull'Hi-Mtf siamo in realtà giunti a quota 5.00 senza aspettare il prossimo bimestre, bimestre la cui fine coinciderà con la fine del primo anno all'Hi-Mtf e dopo il quale si dovrà stabilire il nuovo prezzo di riferimento.

Quota 5.00 euro vuol dire -33,33% dai 7.50 iniziali sul mercato Hi-Mtf e -47,53% rispetto al 9.53 del massimo precedente. Ma non è ancora finita. Anzi.

Per tutti gli azionisti ed anche per i portatori di bond subordinati, Aduc mette a disposizione il proprio servizio di consulenza e assistenza.

 
 
 
BANCHE IN CRISI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori